casa delle schiave

GRAVE INFANTILISMO SESSUALE PER UNA COPPIA.

Questo è il resoconto preciso di una serie di email che Valeria la giovane fidanzata di una coppia in crisi mi ha voluto scrivere.  Sono molti i casi di incapacità sessuale presenti sopra tutto nei maschi, e non è facile rimediare, ma qualcosa si può fare.

Cominciamo a leggere le sue parole:

Valeria ha scritto:

Buongiorno Dr. Roger, sono Valeria 25 anni  ho trovato il suo annuncio sconvolgente ma estremamente reale, non è affatto facile parlare di certe sensazioni e soprattutto essere capite, ho un fidanzato da un anno ma non sono mai riuscita a provare piacere durante il rapporto, Appena restiamo un pò in intimità lui è così frettoloso da bagnarmi ovunque inutilmente il corpo ma non ho avuto ancora la soddisfazione di sentirlo venire dentro di me. Non so come fare e vorrei parlargli ma ho paura di non essere capita o fraintesa.

Grazie Vale

Gentilissimo Roger,

 La sensazione di solitudine che si prova è crescente, vorrei chiederle veramente cosa posso fare?

Cosa hanno fatto tutte le altre ? Come hanno affrontato il problema… a quale soluzione fa riferimento? Siamo andati dalla mia ginecologa per un esame ma i risultati sono stati molto preoccupanti. Dimensioni  troppo piccole e scarsa capacità di erezione oltre ad una grave eiaculazione precoce lo renderebbero inadatto persino a darmi un figlio che ho sempre desiderato.

Il dubbio che il mio fidanzato non sia all’altezza di questa situazione lo avevo da tempo ed ora mi ha spinta dopo vari ripensamenti a decidermi finalmente a chiederle un aiuto da parte di un uomo maturo o comunque esperto. 

So da una coppia, mia cara amica che Lei l’anno scorso ha migliorato moltissimo la loro situazione.

 Vale

Gentilissimo Roger, 

Le assicuro che è la mia prima volta a confrontarmi con un uomo esperto in questo ambito, noto subito dalla determinazione delle sue parole un linguaggio che mi spinge a proseguire nonostante le mie paure, insicurezze e soprattutto il rischio di essere moralmente male considerata.

Uno dei motivi per cui con il mio fidanzato di 29 anni evito di parlarne è proprio questo, lui sessualmente è immaturo, fisicamente precoce tanto da mettermi in imbarazzo alle prime carezze orali, ieri non appena l’ho sfiorato si è sporcato da solo bagnando tutti i suoi pantaloni ed il mio vestito da sera.  Questo per me è stato davvero umiliante.

Gli voglio bene ma sento che sessualmente siamo troppo distanti e la cosa prima o poi andrebbe affrontata, ma come ?

Devo confessarle che io, nei miei momenti di intimità cerco quella soglia di dolore che mi portano poi ad eccitarmi in maniera crescente e mi porta ad uno stato d’animo che mi fa bagnare, ansimare, non smettere di stringere il cuscino tra le gambe.

Sarebbe bello capire che non sono l’unica ad avere queste inclinazioni, che altre hanno superato questa fase di comprensione, si sono accettate e rese conto di  non essere sbagliate in questa società che etichetta tutto ciò che fai, da chi frequenti, in buoni e cattivi.

Io sento moltissimo la necessità di un uomo esperto e molto più grande di me a cui chiedere e dal quale imparare.

Mi piacerebbe conoscere meglio il suo modo di vedere questa possibile crescita ed esperienza che immagino abbia vissuta in questa forma di masochismo sessuale, quel piacere dolore che ne fa emergere.

Grazie, Vale 

Mia cara ti capisco sono tante che le ragazze che mi scrivono per chiedermi aiuto perché il marito o il fidanzato non solo non riesce a soddisfarle a sufficienza, ma non sa proprio nemmeno di che cosa stiamo parlando. Questo lascia molta solitudine in una donna. Puoi provare a parlargli ma temo che sarà inutile almeno secondo la mia esperienza.
Ti conviene un’altra soluzione diversa, quella alla quale ormai ricorrono tutte.

Mi dispiace quello che ti è successo con il tuo fidanzato ma data la sua immaturità immagino che per te subire un episodio di eiaculazione precoce sia stato molto sgradevole e probabilmente umiliante. Il tuo ragazzo andrebbe corretto e, come minimo messo  in uno stato di castità temporanea.

E magari andrebbe anche seguito da una persona esperta

 

Buongiorno Roger, 

innanzitutto grazie per aver compreso con la giusta coerenza le mie problematiche di coppia ma anche come immaginavo dovute alle insicurezze del mio fidanzato che è incapace per inesperienza affrontare con un certo piglio un rapporto soddisfacente, d’altro canto per lui sono stata la sua prima volta. 

Ieri sera comunque, dopo una serata divertente passata fuori con amici, in macchina una volta da soli ho voluto accennare la sua precocità sessuale che andrebbe affrontata …  il fatto che lui abbia negato il problema mi ha innervosita, abbiamo un po’ litigato e poi fatto la pace, si è appoggiato al mio seno togliendomi il reggiseno e iniziando a succhiare avidamente i capezzoli, ho ribadito che il problema per me esiste ed andrebbe affrontato con una persona esperta in grado di valutarne il grado. 

È immaturo e concordo con quanto evidenziato sulla sua inferiorità autostima, lui avrebbe tentato un rapporto se fossi andata avanti ieri sera ma … sono io che inconsciamente ho rifiutato di proseguire. 

 

Cara Vale,

ho letto la tua lettera. Mi dispiace dell’episodio con il tuo fidanzato che purtroppo non fa che confermare quella che era la mia analisi iniziale. Il tentativo di ottenere un allattamento vero e proprio da te effettivamente dà chiare indicazioni sul fatto che probabilmente è ancora molto infantile e quindi in te cerca la rassicurazione della mamma. 

Cosa che sicuramente è molto diversa da quella di cui hai bisogno tu. Dalle tue parole traspare un senso di irritazione e se mi permetti di usare una perifrasi, di disprezzo nei suoi confronti cosa che sta crescendo con l’andare del tempo. 

Ma immagino che queste cose le avrai già pensate da sola. 

Ritengo che tu debba trovare una soluzione vera e reale e senza aspettare molto tempo. La cosa va presa in mano da una persona esperta e competente. 

Ho notato che più volte nelle tue lettere hai accennato alla sensazione di essere giudicata o a dei limiti morali che ti sono stati imposti. Qui nessuno impone alcuna morale, questo è il luogo della totale libertà e non devi avere nessuna paura di essere mai giudicata.

Cerco di essere esplicito con te la soluzione che potrebbe essere perfetta  per te è quella che adottano molte ragazze e cioè di continuare ad avere un fidanzato ufficiale magari anche giovane e inesperto, qualcuno che di fronte alla tua famiglia sia giustificabile e presentabile.ma, nel frattempo, come fanno ormai molte ragazze, anche giovanissime, cercare e trovare un uomo dominante, esperto ed affidabile che sappia educarti e che anche soltanto attraverso incontri saltuari sappia soddisfarti completamente e portarti lentamente a sviluppare la tua femminilità in modo anche molto intenso.

Risulta chiaro che tu hai bisogno assoluto di qualcuno che si prenda cura di te, che possa accudirti ed educarti con la giusta dose di severità in modo che tu possa avere delle regole da osservare, un uomo adulto esperto a cui obbedire lasciando tutto il resto della tua vita intatto. 

Senza mescolare le due cose.

Ti faccio tanti auguri e spero che troverai quello che ti è indispensabile. Se avessi bisogno di ulteriore aiuto, scrivimi cercherò di darti una soluzione concreta.

Roger

  1. Roger

    10 Agosto

    Cara Vale,
    Visto che il problema persiste come mi hai scritto successivamente alla pubblicazione di questo post,
    Mi permetto di informarti, che in aggiunta alle regole di comportamento che vi ho consigliato esistono nuovi farmaci che impediscono l’eiaculazione esterna e, quindi possono essere usati nel tuo caso, sono farmaci leggeri e l’affetto è efficace ma sempre retrocedibile. Dopo un paio di mesi senza più tracce di sperma, il tuo ragazzo dovrebbe cominciare ad imparare a comportarsi.
    Roger

  2. Monica

    13 Agosto

    Grazie Roger per aver portato alla luce una problematica molto attuale a diffusa che mi ha toccata personalmente con mio marito, ho vissuto le stesse situazioni e dopo 10 anni di matrimonio non è cambio praticamente nulla.
    A quali tipo di farmaci fa riferimenti per il problema eiaculazime precoce ?
    Grazie e complimenti ancora per la chiarezza di un problema spesso sottovalutato

    • Roger

      13 Agosto

      Cara Monica
      Sono abbastanza sorpreso che in un tempo di 10 anni non siate riusciti a trovare una soluzione al problema di tuo marito.
      E’ pur vero che la terapia comportamentale è altrettanto importante di quella farmacologica, in quanto le cause profonde sono quasi sempre di origine psichica.
      Ma un forte miglioramento è assolutamente a portata di mano se si applicano alcune semplici indicazioni da parte di una persona esperta.
      Oggi per fortuna esistono dei farmaci che inibiscono l’eiaculazione precoce dandovi una grossa mano soprattutto nelle prime fasi del trattamento.
      Come potrai capire si tratta di informazioni che non posso dare pubblicamente, non voglio rischiare che chiunque si metta a ad utilizzarli in modo indiscriminato senza la guida di una persona esperta.
      Questo tipo di informazioni sono riservate alla sfera personale e pertanto solo a coloro che mi scrivono privatamente.
      Vi faccio molti auguri.
      Roger

  3. Max

    12 Settembre

    Non so se potrà servire. Credo comunque che la fase dell’eiaculazione precoce l’abbiano vissuta in molti. Poi subentra l’esperienza e inizi a capire il flusso degli eventi o meglio, impari a stare in equilibrio come un surfista. Detto questo, se in taluni casi, dopo 10 anni appunto, la situazione è sempre la stessa, sì, credo sia meglio affidarsi alle mani di chi è in grado di farti vivere esperienze uniche, come un Master esperto, a maggior ragione se si necessita d’impulso forti.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.